Questo sito, www.iltocco.eu, utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Leggi l'informativa per saperne di più.

S. Piero Patti. Il piano delle attività culturali e i progetti dell'assessore Salvatore Taranto.

Con l'approvazione del piano triennale per le attività culturali da parte del consiglio comunale, l’assessore ai beni culturali Salvatore Taranto sembrerebbe intenzionato a fare quelle scelte che da tempo e da più parti venivano caldeggiate per rendere maggiormente fruibile il patrimonio culturale del centro sampietrino. A cominciare dalla definitiva sistemazione e ricollocazione dell’archivio storico comunale che fino a oggi giace nei locali inagibili dell’ex »biblioteca ed ex scuola materna di piazza De Gasperi.

Da tempo si parla del rischio infiltrazioni (oltre ovviamente a questioni di sicurezza legate all’agibilità del fabbricato) per il patrimonio documentario custodito nell’archivio tra cui alcuni fondi librari privati donati al comune da sampietrini importanti come la poetessa Helle Busacca. L’assessore ha dichiarato che quando prima si procederà a trasferire tutto il patrimonio in alcuni ambienti al piano superiore del convento dei carmelitani in modo da renderlo fruibile per tutti i cittadini. Per il fondo Busacca, Taranto invece ha manifestato l’intenzione che venga trasferito nel centro culturale dell’ex Castello anche in questo caso per renderlo disponibile a tutti. Questi trasferimenti avverrebbero in un’ottica di rilancio e arricchimento del polo culturale dell’ex Castello e del convento del Carmine.

L’assessore Taranto all’interno del piano ha anche accolto la proposta formalizzata dal gruppo d’opposizione “Progetto paese” per la realizzazione del progetto “Biblios” che consentirebbe la creazione di una nuova biblioteca consortile della valle del Timeto. Inoltre Taranto si è espresso anche sul futuro dell’antica chiesa di S. Leonardo recentemente acquisita dal comune (inizialmente solo per il progetto di realizzazione degli alloggi popolari): «potrebbe essere restaurata e adibita a centro culturale o auditorium musicale, per questo ci attiveremo predisponendo un progetto e intercettando dei finanziamenti».