Questo sito, www.iltocco.eu, utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Leggi l'informativa per saperne di più.

S. Piero Patti "festeggia" la nocciola, regina della tavola

Categoria: Cultura
Pubblicato Mercoledì, 05 Novembre 2014 16:15
Scritto da Salvatore Pantano
Visite: 764

Tutto pronto a S. Piero Patti per la terza edizione della “Festa della nocciola” organizzata dall’associazione “Insieme per la città” per sabato prossimo, 8 novembre, a partire dalle 21 in piazza Duomo. Questo pregiato frutto invernale, tipico delle vallate dei Nebrodi, verrà celebrato con un ampia degustazione che andrà dai tipici dolci e biscotti fino alle ricette più innovative, come l’utilizzo della nocciola nei primi piatti. Anche quest’anno gli organizzatori hanno voluto dare spazio alla creatività con il concorso culinario “Nocciolando con fantasia”, una gara di dolci nella cui preparazione l’ingrediente immancabile sarà proprio la nocciola. L’evento organizzato con il patrocinio del Comune di S. Piero Patti punta a far riscoprire sapori e tradizioni legati a un frutto davvero importante sulla cui coltura un tempo si basava l’economia del territorio sampietrino.

San Piero Patti, così come le vicine Raccuja, S. Angelo di Brolo, Ucria, Librizzi e Montalbano Elicona, è stata sempre ritenuta zona altamente vocata per la coltivazione del nocciolo, la cosiddetta corilicoltura, e per questo nella tradizione gastronomica contadina la nocciola ha sempre avuto un ruolo importante così come importante era l’indotto economico. Oggi, con la crisi dei piccoli produttori causata degli alti costi di coltivazione e dall’apertura ai mercati esteri (con prodotti meno pregiati), la corilicoltura nel territorio sampietrino boccheggia. Unica via d’uscita potrebbe essere un rilancio della coltivazione, implementando filiere biologiche che portino a  un prodotto di altissima qualità. Eventi come la “Festa della nocciola” possono servire a rivalutare le produzioni tipiche locali e rilanciare un prodotto che comunque continua a essere molto gradito e fra più utilizzati nelle preparazioni dolciarie in Italia e all’estero.