Questo sito, www.iltocco.eu, utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Leggi l'informativa per saperne di più.

S. Piero Patti. Ritorna "Blue notes nel borgo"

Il blues torna a suonare tra le strade e le viuzze del centro storico sampietrino. Ritorna l’evento musicale più caratteristico e ricercato dell’estate sampietrina: “Blue notes nel borgo”, rassegna di musica blues organizzata dall’associazione “Vento del Sud”. Giunta alla settima edizione, Blue notes nel borgo, per quest’anno offrirà tre serate d’intrattenimento musicale d’alta qualità riprendendo il suo leit-motiv fatto di promozione di una certa cultura musicale abbinata alla riscoperta del territorio con le sue bellezze e i suoi sapori. Per questo motivo è stata prevista una serata dedicata anche alla degustazione di prodotti tipici. La rassegna prenderà il via lunedì 28 luglio con i Black Soul che si esibiranno in via Garibaldi a partire dalle 21. Martedì 29 sarà la volta invece di Shanna Waterstown & The Hawks, a partire dalle 21 in piazza Gorgone. Poco prima, alle 20, nella vicina via Tasso è prevista un’ampia degustazione di prodotti tipici locali aperta a tutti i visitatori. Mercoledì si concluderà con i Light Chili alle 21 in piazza Duomo.

Dopo la pausa dell’anno scorso, la “Vento del Sud” presieduta da Carmelo Cardaci, torna a riproporre un evento interessante, insolito e importante per un centro come S. Piero Patti. Sul palco di “Blue notes nel borgo” a partire dalla prima edizione, nel 2007, hanno suonato artisti importanti e noti della scena blues internazionale. Tra questi Bob Brozman, Julius Green, Sugar Blue, Lisa Hunt... Una rassegna importante che serve a divulgare una cultura musicale e un sentire artistico fuori dal comune e al tempo stesso a promuovere meglio il territorio.

Vi proponiamo i profili biografici degli artisti che si esibiranno in questa edizione.

La band Black Soul (28 luglio a S. Piero Patti), formatasi nel 2008, vede come componenti Teresa Pitzalis alla voce, Marcello Artino alle tastiere, Tommaso Aricò al basso e Santino Isgrò alla batteria. Il loro repertorio va dai classici del blues e soul a quelli del funky degli anni 60-70, R&B, dance anni 70, anni 90, revival italiani. Questo gruppo, oltre ad esibirsi in più di 150 date all’anno nei vari locali della provincia, ha avuto il piacere di calcare palcoscenici importanti e prestigiosi, festival di vario tipo oltre ad avere accompagnato artisti di fama nazionale durante le tournée nel sud Italia. Come tribute band reinterpretano i brani di Otis Redding, James Brown, Tina Turner, Nina Simone, Koko Taylor, Etta James, Aretha Franklin, Blues Brothers e altri artisti.

Shanna Waterstown and The Hawks (29 luglio a S. Piero Patti) Cantante dalle grandi capacità espressive e dalla straordinaria potenza canora, oltre ad una presenza scenica mozzafiato possiede un repertorio molto vasto: può davvero cantare qualsiasi cosa. La cantante ama giocare con i suoni jazz, inserendo anche atmosfere R’n’B, gospel, blues, ecc . Dal profondo sud statunitense, dove sin da bambina si esibisce in un coro gospel approda ai teatri “off Broadway” e poi ancora infiamma la platea dei cabaret parigini. In patria viene notata da un talent-scout, è il 1994 e registra un disco che vende ben 75.000 copie. Nel corso degli anni la performer viene apprezzata in molti festival internazionali, oltre che in numerose collaborazioni prestigiose. Di recente ha terminato la sua ultima fatica discografica “Inside My Blues” una sorta di testamento musicale in cui non viene tralasciato niente, infatti racchiude le sue preziose esperienze sia artistiche che umane (come ad esempio quella da madre) e in cui sono evidenti le sue radici americane. Inoltre vi è la presenza di grandi musicisti come Boney Fields. Sicuramente la Waterstown sarà capace di ammaliare il suo pubblico, trasportandoli nella terra del Blues, grazie ad una voce dal timbro potente e rovente, al suo sorriso contagioso e al suo entusiasmo inebriante. Ovviamente ciò non vale solo per gli aficionados.

Il duo Light Chili (30 luglio a S. Piero Patti) nasce nel 2009 da una costola dei Bad Chili, formazione Rock Blues già presente sulla scena musicale da circa 10 anni. Domenico e Fabrizio Canale propongono un viaggio nel blues esplorandone le molte sfaccettature: dalla tradizione rurale della zona del Delta del Mississippi, attraverso il Blues urbano anni '50, fino all'interpretazione più moderna del genere. Formazione elettro-acustica, i Light Chili fanno dell’energia e del contatto immediato con il pubblico il loro punto di forza. Alternano cover a brani originali tracciando un personale percorso di ricerca musicale. Voci, armoniche, dobro, danno vita ad uno spettacolo trascinante in cui il legame familiare dona quel tocco di feeling in più e grazie ad esso riescono a comunicare all'ascoltatore la loro passione per la musica.