Questo sito, www.iltocco.eu, utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Leggi l'informativa per saperne di più.

Convento dei Carmelitani: suggestiva presentazione dell'evento Armonia di forme

Categoria: Cultura
Pubblicato Sabato, 02 Agosto 2014 17:40
Scritto da Anna Macula
Visite: 971

Emozione, riflessione, arte. Questo il trinomio che ha fatto da corollario alla presentazione ufficiale dell'evento “Armonia di Forme”, III° Simposio Intercontinentale di Scultura in pietra. Un viaggio tra i sensi e le emozioni che essi trasmettono, abbandonando per un attimo il caos delle nostre vite per riscoprire l'essenziale e andare oltre ciò che appare. Con il sottofondo delle note dello sitār, uno strumento a corda dell'India settentrionale, suonato per l'occasione da Alessandro Gerlandi, e nella splendida cornice rinascimentale del convento dei Carmelitani si è tenuto il convegno di presentazione del simposio organizzato da Schegge d'Arte.

La curatrice dell'evento Eugenia Rossello ha presentato gli scultori partecipanti al simposio provenienti da tutto il mondo e, insieme all'arch. Francesco Giambò, hanno illustrato le iniziative collaterali del simposio: l'estemporanea di forgiatura dei Fabbri d'Arte giorno 3 agosto, la perfomance di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne a cura del centro anti-violenza di San Piero Patti giorno 6 agosto e dal 7 al 9 agosto l'Action Painting 500.

Particolarmente interessante l'intervento della dott.essa Milena Bari, psicologa, che ha spiegato il significato profondo del Percorso Emozionale attraverso i sensi e il legame tra psicologia e arte che sta alla base della mostra. Spazio anche ad una riflessione su una tematica di grande attualità mondiale, quale la rivolta in Ucraina, con la presentazione dell'ing. Paolo Musarra del reportage “KIEV-Ucraina. L'arte di ARES ha spento la speranza di un popolo", a cura di Emanuele Musarra, della Musa – Comunicazioni video e immagine.

Un evento che merita di essere vissuto in tutte le sue forme e un motivo di orgoglio per San Pierp perché, finalmente, il convento dei Carmelitani dopo gli ultimi restauri si presenta fruibile grazie ad iniziative valide, come quelle portate avanti da Schegge d'Arte e dagli artigiani sampietrini con Mostra e diMostra.