Questo sito, www.iltocco.eu, utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Leggi l'informativa per saperne di più.

Sapori&Ricordi (19). Il timballo di anelletti alla palermitana

Per il nostro diciannovesimo appuntamento con le ricette il primo piatto per eccellenza della cucina palermitana : il timballo di anelletti, un trionfo di sapori e un miscuglio di culture. Il “timballo”, infatti, lo ereditiamo dalla dominazione araba in sicilia mentre, l’uso della” besciamella”da quella francese; tutto il resto dalla fantasia e dall’abilità delle nostre nonne.

Il formato di pasta, l’”anelletto”, è tipicamente palermitano e, un tempo, era molto difficile reperirlo altrove poiché veniva prodotto solo da pastifici locali. Si presta molto bene per questo tipo di pietanza che possiamo definire tipica da gita fuori porta in quanto,preparandola il giorno prima, veniva trasportata con tutta la teglia per i pranzi in campagna o al mare e rappresentava un piatto unico per l’abbondanza e la completezza di ingredienti, adatta a saziare e soddisfare tutta la famiglia, amici compresi!

Oggi , il timballo di anelletti, lo troviamo facilmente nelle rosticcerie e nelle tavole calde palermitane e, per chi ha voglia di uno spuntino veloce, esiste anche la versione mono-porzione, molto simile, per dimensioni, ad un’arancina.

Naturalmente, come per molte altre ricette siciliane, ne esistono tante varianti e, quella che vi propongo, è quella di casa mia!

Questi gli ingredienti per 8 / 10 persone:

PASTA ANELLETTI. 1 kg.

PISELLI: 300g.

PRIMOSALE ( o schiacciata o mozzarella): 400 g.

MELENZANE o ZUCCHINE : a piacere

PANGRATTATO: q.b.

Per il ragù:

TRITATO di vitello: 500 g.

TRITATO di maiale: 300 g.

CAROTE:q.b.

SEDANO : q.b.

CIPOLLA : q.b.

OLIO: q.b.

SALE: q.b.

MARSALA: q.b.

SALSA di pomodoro: ¾ di litro

Per la besciamella:

LATTE : 1 l.

FARINA : 100 g.

BURRO: 100 g.

SALE : q.b.

PEPE: q.b.

NOCE MOSCATA: q.b.

GRANA grattugiato: qualche cucchiaio

Prepariamo un bel ragù con gli ingredienti sopra indicati: soffriggiamo la cipolla nell’olio, aggiungiamo le carote ed il sedano a pezzettini, rosoliamo il tritato di vitello e maiale, sfumiamo col marsala, uniamo la salsa di pomodoro, il sale e cuociamo a fuoco lento per mezz’oretta, controllando che non si asciughi. Facciamo la besciamella: sciogliamo il burro, uniamo la farina e il sale, rosoliamo appena e uniamo il latte caldo a poco a poco. Raggiunta la densità desiderata, grattugiamo un po’ di noce moscata, maciniamo un po’ di pepe e aggiungiamo qualche cucchiaio di grana grattugiato. Cuociamo anche i piselli con un po’ d’olio e cipolla e uniamoli al ragù. Friggiamo le melenzane a tocchetti o le zucchine a fettine nella quantità desiderata e mettiamole da parte.

Prepariamo la teglia in cui metteremo la pasta, ungendola con dell’olio e cospargendola di pangrattato. Ora è il momento di cuocere gli anelletti in abbondante acqua salata. Lasciamoli piuttosto al dente, scoliamoli e condiamoli con il ragù e parte della besciamella. Versiamo un po’ più di metà degli anelletti nella teglia foderandola anche nelle pareti. Riempiamo con la rimanente besciamella, il formaggio e le melenzane, o le zucchine. Spolveriamo con del grana grattugiato. Qui, alcuni, usano mettere anche fettine di uova sode e prosciutto, ma non è obbligatorio. A questo punto possiamo chiudere con gli anelletti rimasti, ricoprendoli, poi, di pan grattato mescolato con grana grattugiato e olio. Inforniamo per circa 40-50 minuti a 200°, finchè non si sarà formata una crosticina dorata e croccante.

Se la fretta, o la pigrizia vi impediscono di cucinare e desiderate assaggiare questa prelibatezza venite a trovarci. 

HOME FOOD LE POIANE - C/da Manganello 2, San Piero Patti. Per prenotazioni (max 6 persone): Tel 0941-661698 / 320-035629 https://www.facebook.com/homefoodlepoiane