Questo sito, www.iltocco.eu, utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Leggi l'informativa per saperne di più.

S. Piero Patti | Due eventi importanti per celebrare il compositore jazz Pete Rugolo

Pochi sanno che proprio a S. Piero Patti nel 1915 nacque uno tra i compositori e orchestratori jazz più noti al mondo: Pete Rugolo. La società filarmonica di Chiavari- Tigullio Musica e l'amministrazione comunale di S. Piero Patti- Assessorato alla Cultura, nel centenario della nascita di Rugolo hanno organizzato due eventi musicali di assoluto rilievo.

Venerdì 2 ottobre nell’auditorium comunale Manetti- Carrara (polo culturale ex castello) la Tigullio Jazz Big band presenterà il concerto dal titolo “Quando i migranti eravamo noi, il contributo della Sicilia all’estetica e alla pratica del jazz”. Una serata musicale di assoluto rilievo, durante la quale saranno proposti arrangiamenti dei più importanti brani di Rugolo ma anche di Gershwin, Miller, Porter e Jobim. A dirigere il concerto il maestro Danilo Marchello. Il percorso musicale proposto dalla filarmonica di Chiavari, oltre ad essere un dovuto omaggio alla figura di Rugolo, vuole sottolineare attraverso la sua musica e quella scritta dai suoi contemporanei il significato di quel particolare fenomeno della storia della musica che fu il jazz.

Sabato 3 ottobre nella chiesa di S. Maria, in occasione dei festeggiamenti in onore del compatrono S. Biagio, una seconda serata musicale dal titolo “Da Bach a Gershwin, viaggio nella musica classica e non solo”. Questa volta a eseguire le musiche sarà una formazione diversa, la Tigullio Brass Ensamble.

I due eventi fortemente voluti dall’amministrazione comunale sampietrina e in particolare dall’assessore alla cultura Salvatore Taranto puntano a promuovere maggiormente la figura di Rugolo, la cultura jazz e insieme il territorio sampietrino che fu culla di risorse umane e talenti.

Pete Rugolo nacque a S. Piero il 25 dicembre 2015. A soli 5 anni si trasferì con la famiglia dalla Sicilia agli Stati Uniti, in California dove, nonostante le ristrettezze economiche della famiglia, iniziò a studiare pianoforte. Dopo gli studi a San Francisco e a Oakland si affacciò nel mondo orchestre diventando sempre più esperto e richiesto per la composizione e l’arrangiamento di brani jazz. A partire dal dopoguerra con il suo ingresso nell’orchestra di Stan Kenton, Pete Rugolo percorse la strada del successo divenendo celebre anche per i suoi contributi musicali dati agli show televisivi negli anni sessanta e settanta. Sue sono le musiche nelle serie tv Leave It to Beaver, Thriller, Il fuggiasco, The Challengers e Family. Rugolo è morto a Los Angeles il 16 ottobre 2011.

© RIPRODUZIONE RISERVATA