Questo sito, www.iltocco.eu, utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Leggi l'informativa per saperne di più.

Borsa di studio "Giovanni Barbera"

Categoria: Società
Pubblicato Martedì, 10 Giugno 2014 15:35
Scritto da Filippo Accordino
Visite: 1357

Nell'incantevole chiostro del Convento dei Carmelitani Calzati, sabato 7 giugno sono state consegnate le tre borse di studio dedicate al dottor Giovanni Barbera, medico che ha svolto servizio per lunghi anni nella comunità di San Piero Patti. I ragazzi candidati al prestigioso riconoscimento, tutti dell'ultimo anno della scuola secondaria dell'Istituto Comprensivo sampietrino, si sono espressi con un tema o un elaborato grafico riflettendo sul tema della famiglia. I vincitori dei premi in denaro sono: Tindaro Maiolino (tema), Alice Germanà (tema), Michael Schepis (elaborato grafico). Complessi e articolati gli interventi dei relatori che sono intervenuti nella cerimonia invitando a riflettere i numerosi presenti sul tema della famiglia. Durante la serata sono intervenuti, tra gli altri, il dirigente scolastico dell’istituto comprensivo di S. Piero Patti, la prof.ssa Tilde Graziano, il prof. Fausto Savasta docente del liceo “La Farina” di Messina e il poeta dialettale Saro Ricciardi. Un momento di intrattenimento musicale è stato curato dalle sorelle Giacinta e Dalia Fazio. La borsa di studio “Giovanni Barbera” nasce per volontà della famiglia dopo la scomparsa del medico che per lunghi anni ha servito la comunità sampietrina venendo ricambiato con affetto e stima. Originario di Alì, il dott. Barbera aveva eletto S. Piero sua seconda patria impegnandosi per anni sia a livello sociale che culturale. Oggi la borsa di studio, oltre a conservarne il ricordo, rappresenta uno sprone per le nuove generazioni sampietrine verso la cultura e la conoscenza. Il Convento del Carmine, dove in questo periodo è allestita una ricca mostra di artigianato locale, si conferma ancora una volta cornice privilegiata per l'organizzazione di eventi culturali.