Questo sito, www.iltocco.eu, utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Leggi l'informativa per saperne di più.

Sapori & Ricordi (31). La cuccìa palermitana

Categoria: Sapori & Ricordi
Pubblicato Sabato, 12 Dicembre 2015 11:00
Scritto da Giacinta Fazio
Visite: 1015

Il palermitano, ogni anno, il 13 dicembre, offre a Santa Lucia la sua più grande astinenza (si fa per dire!): non mangia né pane né pasta e li sostituisce con patate, gattò, panelle, crocchè, timballi e arancine di riso e “cuccìa”, dal greco koukkìa (grani). Fa questa offerta alla Santa per ringraziarla d’averlo salvato, nel ‘600, da una tremenda carestia che lo aveva ridotto alla fame. In quell’anno, proprio il 13 dicembre, festa della Santa, entrò nel porto di Palermo una nave carica di grano. Si gridò al miracolo! Il popolo, affamato, non perdette tempo a trasformare il grano in farina e pane, ma lo lessò e lo mangiò così com’era. Nacque allora la tradizione di mangiare, il giorno di Santa Lucia, il grano in chicchi lessato, utilizzato in zuppe o nel latte, o condito in vari modi ma, soprattutto nella sua più sofisticata elaborazione: la “cuccìa”, un dolce straordinario in cui il grano incontra la crema di ricotta (o di latte), i canditi e il cioccolato. Una vera delizia al palato!

Ecco gli ingredienti:

GRANO tenero: 500 gr.

RICOTTA di pecora: 1 kg.

ZUCCHERO a velo: 300 g.

ZUCCATA: 100 gr.

CANDITI: 100 gr.

CIOCCOLATO fondente: 100 gr

Innanzi tutto bisogna tenere il frumento a bagno per tre giorni, cambiando l’acqua ogni giorno, anche due volte al giorno. Oggi, comunque, si trova in commercio un tipo di grano che non necessita di ammollo.

Il frumento va bollito in acqua leggermente salata per circa mezz’ora o, se si usa quello precotto, per il tempo indicato sulla confezione.

Una volta cotto, lo scoliamo bene e, mentre raffredda, prepariamo la crema di ricotta amalgamando bene,usando le fruste, la ricotta con lo zucchero. Se non usiamo lo zucchero a velo è meglio preparare la crema la sera prima e lasciarla in frigorifero in modo che lo zucchero non rimanga granuloso. Anche la ricotta deve essere ben scolata ed è consigliabile non usare quella fresca.

Aggiungiamo alla crema i canditi, la zuccata ed il cioccolato fondente a pezzettini. Uniamo il frumento in quantità proporzionata ed in maniera tale che la crema sia protagonista! Disponiamo nelle ciotoline o in un recipiente grande, guarnendo con cioccolato e canditi. Se piace, si può dare una spolveratina di cannella prima di guarnire.

Se si preferisce si può usare, al posto della crema di ricotta, quella di latte preparata con 1 litro di latte, 80 gr. di amido, 125 gr. di zucchero e una scorzetta di limone. Il risultato è ugualmente delizioso!

Se la fretta, o la pigrizia vi impediscono di cucinare e desiderate assaggiare questa prelibatezza venite a trovarci. 

HOME FOOD LE POIANE - C/da Manganello 2, San Piero Patti. Per prenotazioni (max 6 persone): Tel 0941-661698 / 320-035629 https://www.facebook.com/homefoodlepoiane