Questo sito, www.iltocco.eu, utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Leggi l'informativa per saperne di più.

S. Piero Patti | Il vicesindaco Taranto assolto dall'accusa di diffamazione contro il medico Giuseppe Forzano

Categoria: Attualità
Pubblicato Venerdì, 18 Marzo 2016 10:39
Scritto da Redazione
Visite: 1124

Ieri con propria sentenza il giudice di appello del Tribunale di Messina- prima sezione penale, dott.ssa Letteria Silipigni, ha riformato la precedente sentenza di condanna di primo grado emessa nel luglio 2014 dal Giudice di Pace di Messina a carico dell’odierno vicesindaco del comune di San Piero Patti, Salvatore Taranto.

La vicenda risale al 2009 quando sulla scrivania del presidente della Corte di Appello di Messina e del presidente del Tribunale di Patti arriva un esposto contro Forzano in cui figura come mittente e firmatario Salvatore Taranto. Nella denuncia vengono sottolineate alcune vicissitudini giudiziarie a cui sarebbe stato legato l’ex capogruppo d’opposizione e che avrebbero messo in dubbio la sussistenza dei requisiti di onorabilità per il Forzano che come medico ricopre spesso incarichi di consulente per l’Autorità giudiziaria. Dall’acquisizione della missiva scaturisce un procedimento disciplinare a carico del medico sampietrino che viene però successivamente archiviato senza alcun provvedimento di censura nei suoi confronti.

Nel 2010 Giuseppe Forzano passa al contrattacco querelando Taranto per diffamazione proprio per quell’esposto. Il ricorrente lamentava di essere stato diffamato dal  vicesindaco Taranto, allora capogruppo consiliare di maggioranza, che risultava firmatario dell'esposto ma che, da parte sua, ne ha sempre disconosciuto la paternità.

Il giudice di appello ha dato ragione alla tesi prospettata dalla difesa dell’imputato, rappresentata dal legale Salvatore Taranto del Foro di Palermo, accogliendo l’atto di appello e assolvendo l'attuale vicesindaco "perché il fatto non sussiste".

Soddisfazione è stata espressa da Taranto e dal suo legale: "Giustizia è stata finalmente fatta".