Questo sito, www.iltocco.eu, utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Leggi l'informativa per saperne di più.

Sindaca Trovato decaduta? Il Cga: la norma sulla decadenza simultanea sindaco-consiglio va applicata

Anche la sindaca di S. Piero Patti Ornella Trovato è decaduta? Nelle prossime ore dovrebbe arrivare la risposta dalla Regione dopo il pronunciamento del Consiglio di giustizia amministrativa sulla norma regionale approvata nei mesi scorsi che prevede l’automatismo della decadenza di consiglio comunale e sindaci. Come noto a fine estate il consiglio comunale sampietrino non approvò il bilancio previsionale innescando la procedura di sospensione e scioglimento. Al posto del consiglio è stato nominato un commissario straordinario che ad oggi svolge le sue funzioni mentre il sindaco e la giunta municipale sono rimasti al loro posto.

La norma controversa sulla decadenza dei sindaci approvata ad agosto dall’Ars fin da subito aveva generato confusione e le proteste dell’Anci. Per sgomberare il campo da fraintendimenti il parlamento siciliano ha approvato due settimane fa un’ “interpretazione autentica” (contenuta nella Legge regionale 6 dello scorso 29 marzo) su quel comma incriminato stabilendo che il meccanismo di decadenza contemporanea sindaco- consiglio comunale sarebbe entrato in vigore a partire dalla data di pubblicazione della legge 17, 11 agosto 2016. Secondo l’interpretazione quindi in quei comuni rimasti con i consigli commissariati per bocciatura del bilancio sarebbe decaduto anche il sindaco. Alla norma si è quindi opposto subito lo stesso Governo regionale chiedendo un parere urgente al Cga nell’intento di non applicare la norma subito.

Il Consiglio di giustizia amministrativa in seduta consultiva si è espresso stabilendo che il presidente della Regione non ha il potere di disapplicare una legge regionale approvata, quand’anche in palese contrasto con la Costituzione. Così scattano le procedure di decadenza per i comuni senza bilancio o con il consiglio già commissariato. In provincia di Messina sono S. Piero Patti e Monforte S. Giorgio; nel resto dell’isola Castiglione di Sicilia, Monterosso Almo, Calatafimi e Casteldaccia. Secondo le norme la decadenza dovrà essere notificata dalla Regione entro oggi per portare i comuni a elezioni al primo turno disponibile e cioè l’11 giugno. Ma per S. Piero Patti, come noto, a giugno è fissata già la scadenza naturale del mandato amministrativo e fino a ieri nessun provvedimento di decadenza era stato notificato al sindaco Trovato.

In altri comuni pare che il decreto di decadenza sia stato già trasmesso dalla Regione. Nella giornata di oggi sono attese novità su questa vicenda che tiene in bilico l’amministrazione sampietrina e che potrebbe avere ripercussioni anche sulla campagna elettorale per le amministrative.