Questo sito, www.iltocco.eu, utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Leggi l'informativa per saperne di più.

(50) Ciambella alla frutta secca

Con l’arrivo delle prime piogge e l’estate ormai alle spalle, anche i sapori a tavola si vestono d’autunno e, in Sicilia, l’autunno ha il colore della frutta secca. Buona da sgranocchiare nei momenti di convivialità, ottima da utilizzare in dolci e ricette tipiche. I boschi siciliani, dai Nebrodi alle Madonie, senza escludere il territorio etneo, vantano un patrimonio inestimabile di piante di nocciole, noci, mandorle, castagni e pistacchi! E’ dunque inevitabile che, sulle nostre tavole, possa mancare tutto questo ben di Dio, per giunta a chilometro zero!

Nella ricetta di oggi possiamo utilizzarne un bel miscuglio e, più varietà ne utilizziamo, più buona viene la ciambella. La ricetta è semplicissima; questi gli ingredienti:

 

FRUTTA SECCA mista ( nocciole, mandorle, noci, pinoli e pistacchi) : 150 gr.

FARINA: 350 gr.

LATTE: 200 gr. 

LIEVITO per dolci: 1 bustina

ZUCCHERO: 200 gr.

SCORZA di 1 limone grattugiata

BURRO: 130 gr.

UOVA: 3

 

Frulliamo la frutta secca riducendola a granella e mettiamola da parte. Montiamo a neve gli albumi e mettiamo da parte anche questi. In un’ampia scodella lavoriamo bene con le fruste i tuorli d’uovo con lo zucchero fino ad ottenere una crema montata. Uniamo il burro morbido e, a poco a poco, quasi tutta la granella di frutta secca ( ne lasciamo due manciate da parte per la fine). Aggiungiamo la scorza di limone, il latte e, pian piano, la farina setacciata insieme al lievito. In ultimo mettiamo , mescolando dal basso verso l’alto, gli albumi montati a neve. Versiamo l’impasto in uno stampo per ciambelle precedentemente imburrato ed infarinato (io, di solito, metto farina e zucchero). Cospargiamo sull’impasto la rimanente granella di frutta secca e un po’ di mandorle a scaglie. Inforniamo in forno già caldo a 180° per circa 45 minuti. Controlliamo la cottura con uno spiedino e, una volta fredda, togliamo dallo stampo. Questa ciambella è ottima per la prima colazione o, al pomeriggio, con una bella tisana calda o un thè. Può essere accompagnata da una crema o da una marmellata.