Questo sito, www.iltocco.eu, utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Leggi l'informativa per saperne di più.

S. Piero Patti. Le ragioni dei consiglieri "dissidenti". Parla il presidente del consiglio comunale Alfonso Schepisi

È un Alfonso Schepisi più convinto che mai quello che abbiamo incontrato ieri nel suo studio per un'intervista sui fatti recenti che hanno coinvolto il consiglio comunale e in generale tutta la politica sampietrina. Convinto della bontà delle ragioni sue e in generale del gruppo di consiglieri - Mario La Bella, Salvatore Bongiovanni e Graziella Ardiri - che durante l'ormai famosa seduta del consiglio comunale di lunedì scorso, con un documento di contenuto politico, hanno di fatto sancito la loro uscita dall'ex gruppo di maggioranza "Noi per S. Piero" stabilendo una nuova ripartizione del consesso civico. Nei giorni scorsi sul nostro sito abbiamo ospitato la voce del sindaco Ornella Trovato che con le proprie dichiarazioni aveva definito "paradossale" la scelta dei suoi ex alleati di maggioranza criticando duramente il loro operato. Il presidente del consiglio comunale Alfonso Schepisi non ha dubbi: il loro è stato un atto necessario per potersi smarcare da una situazione di stallo amministrativo e gestionale ormai evidentissima. Il punto su cui Schepisi (che in passato è stato assessore con delega ai lavori pubblici) focalizza la propria attenzione è il mancato coinvolgimento di alcuni consiglieri (proprio quelli poi fuoriusciti dalla maggioranza) nelle scelte dell'amministrazione comunale. «Ogni nostra idea, ogni nostra differente visione - afferma Schepisi - durante le riunioni di gruppo veniva sempre rigettata perché ritenuta superflua o inattuabile. Su tutti gli argomenti, dalle progettualità alla gestione del personale precario, dal taglio agli sprechi fino alla gestione dei rifiuti, ogni nostra proposta riceveva un secco "no". A questo punto non sarebbe stato più possibile andare avanti così. In ogni coalizione devono esserci i margini per un dialogo e una dialettica politica: evidentemente nella nostra ex maggioranza questo non avveniva»

Sono tanti i punti toccati dal consigliere Schepisi, tante le motivazioni a supporto della sua scelta. Vi proponiamo per intero l'intervista video realizzata dallo staff di PROM TV (che ringraziamo per la collaborazione). © RIPRODUZIONE RISERVATA

Clicca sull'immagine per vedere il video