Questo sito, www.iltocco.eu, utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Leggi l'informativa per saperne di più.

"Armonia di forme", fervono i preparativi per il III° Simposio Intercontinentale di Scultura in pietra

Mancano pochi giorni e prenderà il via il III° Simposio Intercontinentale di Scultura in pietra ideato dall'Associazione Schegge d'Arte. Dal 27 luglio al 13 agosto San Piero Patti e il convento dei Carmelitani diverranno lo scenario ideale del gruppo di scultori selezionati per partecipare alla IIIª edizione del simposio, dal titolo Armonie di Forme. Quest'anno il tema proposto agli artisti prende spunto da Albert Einstein e ruota attorno al concetto di Energia, infatti uno dei noti aforismi del grande fisico e filosofo della scienza tedesco dice “tutto è energia e questo è quello che esiste” intendendo dire che l'uomo può modellare la propria realtà usando il pensiero. Proprio come uno scultore modella i blocchi di pietra in base all'idea che ha in testa.

Le opere scelte, tramite disegni foto e bozzetti, sono dei seguenti scultori: Aleksandar Eftimovski di Skopje (Macedonia) con “Spontaneus” - Ivan Leanos di Zacatecas (Messico) con “Heart of sea” - Maria Trinidad Caminos di Cordoba (Argentina) con “Energia Latente” - Ricardo Kersting di Porto Alegre (Brasile) con “Quasar” - Sestilio Burattini di Perugia con “Vortice” - Vito Guardo di Gravina di Catania con “Distacco dal Tempo”. Tra i soci dell'associazione Schegge D'Arte parteciperanno Antonino Schepisi con “L'energia della Terra” e Francesca Calabrò con “Megnetismo Gravitazionale”.

Il simposio avrà inizio giorno 1 agosto con un convegno al convento dei Carmelitani e si concluderà giorno 10 Agosto in Piazza Duomo con la partecipazione e gli interventi del direttore artistico del simposio Piero Marchetti, docente dell'Accademia di Belle Arti di Carrara, dell'architetto Francesco Giambò di Messina e, ospite d'onore, il mecenate e presidente della fondazione Fiumara d'Arte, Antonio Presti.

Dal 2 al 9 agosto si potranno vedere gli artisti a lavoro nella via Nino Dante dove da blocchi squadrati di pietra arenaria locale prenderanno forma e vita le opere degli artisti. Una volta realizzate le sculture verranno esposte momentaneamente in Piazza Duomo per un mese.

Inoltre dal 27 al 13 agosto al convento dei Carmelitani saranno allestite alcune stanze con delle installazioni che andranno ad arricchire il "Percorso emozionale attraverso i sensi", un'idea che nasce dal desiderio di far imparare a cogliere il particolare lasciando spazio alla riflessione e focalizzando l'attenzione sull'essenziale attraverso le capacità sensoriali modulate dal pensiero. E, in contemporanea, nelle altre sale del convento verrà allestita una mostra di arti visive che darà modo a tutti gli artisti che ne avranno voglia di partecipare con quadri, sculture e fotografia. Saranno presenti anche gli artisti Ute Pika e Umberto Leone che collocheranno una loro installazione, "Profondo Ulivo", per raccontare, attraverso uno dei simboli della mediterraneità, le pulsioni arcaiche e arcane che legano l'uomo al linguaggio della natura. Le opere di Pyka-Leone sono presenti nelle collezioni di importanti musei e fondazioni come la Fondazione Orestiadi di Gibellina, la Fondazione Antonio Presti-Fiumara d'Arte di Castel di Tusa, al Palazzo Reale di Giordania e nella sede di Telekom-Arabia a Riyadh. La coppia è stata premiata dalla rivista I.D. Magazine (New-York) e dalla Fondazione Buttitta (Palermo).

Il 3 agosto in via Nino Dante ci sarà un'estemporanea di foggiatura realizzata dall'associazione Fabbri d'arte, il 6 agosto in collaborazione con il centro anti-violenza ci sarà una esibizione volta alla sensibilizzazione sulla tematica del femminicidio e giorno 7 e 8 agosto in Piazza Duomo prenderà il via l'Action painting 500 una performance artistica curata dall'architetto Francesco Giambò rivolta a quanti vorranno esprimere in libertà le proprie doti artistiche, a volte nascoste, decorando una tela gigante installata in piazza.

Un programma, quindi, ricco e nutrito che coinvolgerà tutte le varie forme di espressione artistica all'insegna della riflessione e della riscoperta del bello attraverso i nostri sensi e che darà modo di conoscere artisti provenienti da varie parti del mondo.