Questo sito, www.iltocco.eu, utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Leggi l'informativa per saperne di più.

S. Piero Patti. Un'area espositiva nell'ex Ipab "Interdonato- Tricoli"

L'ex Ipab Interdonato-TricoliRealizzare un’area espositiva per i prodotti tipici locali: questo l’intento del progetto approvato dalla giunta municipale sampietrina e che riguarda parte dell’ex casa per indigenti “Interdonato- Tricoli”. L’amministrazione comunale guidata dal sindaco Ornella Trovato punta ad ottenere un finanziamento nell’ambito dei fondi per i Patti Territoriali e Contratti d’Area veicolati dal Ministero dello Sviluppo economico e che hanno l’obiettivo di realizzare nuove strutture e infrastrutture a servizio del territorio. I termini per la presentazione delle singole progettualità per una seconda volta sono stati prorogati e grazie alla nuova “finestra” concessa per l’invio delle richieste il Comune ha intenzione di proporre questo nuovo progetto per il tramite del Consorzio Tindari-Nebrodi di Patti che fa da ente coordinatore del Patto. Nello specifico il progetto è uno stralcio di quello già da anni inserito nel piano delle opere pubbliche del centro sampietrino e che riguarda l’adeguamento e la ristrutturazione dell’ex Ipab “Interdonato-Tricoli” un’immobile oggi di proprietà comunale e che fino a una ventina di anni fa ospitava anziani. In passato nell’ex Ipab sono state realizzate alcune opere di messa in sicurezza, un primo stralcio del progetto originario che però non ha avuto seguito. Il nuovo stralcio predisposto dal progettista iniziale ha un importo ci circa 178 mila euro (di cui 123 mila per lavori e la restante parte per oneri e progettazione) e riguarda la ristrutturazione di due piani dell’attuale immobile con l’obiettivo di realizzarvi un’esposizione per i prodotti tipici del territorio. Il progetto approvato dalla giunta è stato trasmesso al Consorzio intercomunale  Tindari-Nebrodi per entrare a far parte della rimodulazione del nuovo Patto Territoriale da sottoporre al vaglio del ministero.

 
Salvatore Pantano