Questo sito, www.iltocco.eu, utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Leggi l'informativa per saperne di più.

Chiusura PTE. Mozione del Consiglio comunale. Prosegue la raccolta firme.

Ferma determinazione del civico consesso alla non chiusura del PTE di San Piero Patti. È questo l’impegno assegnato al sindaco e alla giunta dal consiglio comunale di San Piero Patti attraverso una mozione congiunta di maggioranza e minoranza presentata nella seduta di questa mattina. A seguito delle decisioni assunte dalla Regione lo scorso mese di marzo, entro l’anno è prevista la chiusura dei Punti Territoriali di Emergenza dell’isola e drastica diminuzione delle ambulanze 118. A questa decisione, frutto di un’analisi miope scaturita da un’errata valutazione dei costi, si stanno opponendo numerosi comuni in tutta la provincia. Non si tratta della solita difesa campanilistica dei servizi già presenti sul territorio, ma della reale necessità di mantenere strutture realmente indispensabili. Necessità legata alla complessità del territorio, tra l’altro contemplata dal decreto ministeriale del 2015 dal quale discendono le successive decisioni a livello locale, in considerazione del vasto numero dei centri abitati e delle difficoltà viarie. Già attualmente i PTE sono competenti in porzioni di territorio che si estendono oltre il comune dove hanno sede, con risultati nell’ambito della gestione delle urgenze che permette non solo di evitare il sovraccarico dei pronto soccorso ma anche di intervenire in tempi celeri evitando gravi danni al paziente.

Si prospettano settimane di forte impegno politico nella rivendicazione di un diritto, quello alla salute, sancito dalla Costituzione e che può essere garantito solo attraverso un’idonea organizzazione territoriale. Dal 1999 in poi i PTE sono cresciuti nel tempo fronteggiando numerosissimi casi. Solo quello di San Piero Patti conta 1500 interventi eseguiti nel solo anno 2016.

Nel frattempo prosegue la raccolta firme per la petizione promossa dallo Sindacato Nazionale Medici Italiani e rilanciata da molti comuni. Già nei giorni scorsi molti cittadini hanno sottoscritto il documento anche in occasione delle manifestazioni estive. La petizione è disponibile anche presso l’ufficio anagrafe del comune di San Piero Patti.

©RIPRODUZIONE RISERVATA