Questo sito, www.iltocco.eu, utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Leggi l'informativa per saperne di più.

Scambio artistico tra Messico e Italia: il progetto dell'artista sampietrino Milo Floramo e del messicano Iván Leaños.

Da poco terminato il III° Simposio intercontinentale di scultura in pietra, le Schegge d'Arte ritornano in scena con un nuovo progetto che nasce come frutto dell'esperienza maturata attraverso il simposio.

Tra l'instancabile Milo Floramo e l'artista messicano Iván Leaños, uno degli otto sculturi selezionati per partecipare all'evento Armonia di Forme, è nata una collaborazione spontanea e libera che pian piano ha dato vita ad un ambizioso e interessante progetto.  Infatti una volta terminata la manifestazione Iván Leaños ha deciso di rimanere a San Piero Patti ancora per qualche giorno e insieme a Milo Floramo hanno fatto nascere un movimento artistico che coinvolgerà il Taller de Escultura del IZC di Zacatecas in Messico, presso cui opera Leaños, e l'Atelier di Milo di San Piero Patti.

Da questo scambio culturale e artistico tra due mondi, due differenti modi di rapportarsi e vivere l'arte, due nazioni diverse accomunate dal linguaggio universale dell'arte nasce questa collaborazione intercontinentale. Potranno partecipare al progetto di scambio tra Italia e Messico anche altri artisti ed appassionati consentendo a quanti amano l'arte di conoscere realtà nuove e arricchire il proprio bagaglio culturale. Nello specifico il progetto prevede la realizzazione di corsi di scultura, pittura, ceramica, fotografia e grafica organizzati dai due atelier che coinvolgeranno artisti italiani e messicani.

Il Taller de Escultura del IZC nasce nel 2012 grazie al contributo dell'Istituto per la Cultura di Zacatecas sotto la direzione dello scultore Iván Leaños. Lo scopo di questo laboratorio è principalmente quello di contribuire a diffondere e arricchire l'espressione artistica nella città di Zacatecas attraverso l'insegnamento e la sperimentazione di varie tecniche di scultura. Infatti i corsi organizzati da questo atelier mirano all'acquisizione di una buona padronanza nel modellare vari tipi di materiale scultoreo, quale ottone, alluminio, acciaio, marmo, granito e resine.

Anche il laboratorio di Milo Floramo nel corso degli anni ha organizzato corsi aperti a tutti per imparare le tecniche usate per la scultura, la pittura, il restauro e la fotografia coinvolgendo un buon numero di allievi provenienti dai paesi limitrofi. Inoltre attraverso gli eventi organizzati da Schegge d'Arte, Milo Floramo si è fatto promotore nel tempo del territorio sampietrino cercando anche di avvicinare un numero sempre crescente di persone verso il mondo dell'arte.

Un incontro quindi, e un connubio artistico, che si prefigura interessante per tutti gli artisti che parteciperanno al progetto e che sicuramente porterà nuove e stimolanti iniziative per il territorio sampietrino, e non solo.